Quando si è trattato di scegliere la copertina di questo mio libro di poesie, ero nella più totale indecisione. Provavo e riprovavo a immaginare titolo e dipinto o foto del caso ma ogni volta, quella pensata, non era quella giusta. Qualcosa stonava sempre finché, proprio la sera prima del “si stampi” su consiglio di Lucas, il mio Editore,
non scovo questa immagine: “Portrait d’Helene Klimt” il ritratto di Elena, la nipote di Klimt. È immediata la sensazione di familiarità provata ma soprattutto il ricordo di quando, giorni prima, mentre ero sulla spiaggia, mi è apparso alla memoria un ritratto fotografico di me bimba. Abbronzatissima, con un caschetto per capelli e un vestitino bianco con due meravigliose fragoline disegnate. Ho impiegato un po’ di tempo per ritrovare quella foto restata così indelebilmente incisa nei miei ricordi ed ero anche rassegnata alla possibilità di averla perduta, ma alla fine, era nel posto più scontato: in uno dei cassetti della mia scrivania, aprendo il quale questa mattina, con mia somma meraviglia, vedo apparire tutte queste foto con la stessa protagonista.
Non so se l’autore fosse mio padre o mio nonno Walter (entrambi amavano scattare foto) ma quella, era la casa dei miei nonni materni dove ho trascorso la maggior parte del tempo della mia vita di bambina e anche di adolescente.
Ho sempre ricostruito pezzi di vita attraverso le foto. Ho sempre amato dedicare tempo ad esse per capire. Sono fondamentali le foto del passato. Ci svelano cose impensate e rendono visibile ciò che non si immagina, fornendoci una preziosissima chiave di lettura di ciò che è andato perduto.
Rossella Pompeo
🍓🍓🍓
The Secret Nature of Words
When it came to choose the cover of my poetry book, I was totally indices. I tried and tried to imagine the title and painting or photo of the case but every time, the one I thought of, was not the right one. Something was always out of place until, on the night before of the “you print” I find this image: “Portrait d’Helene” the author of which is Klimt; on the advice of Lucas, my Publisher.
The feeling of familiarity experienced is immediate, but above all the memory of when, days before when I was at the beach, a photographic portrait of me as a child, appeared in my memory. I am very tanned, with hair cut in a bob, a white dress with two wonderful cherries drawn. It took me a while to find that photo that has remained so indelibly engraved in my memories but in the end it was in the simplest place: in one of the drawers of my desk, opening which to my amazement, I see all these photos appear with the same hero.
I don’t know if the author was my father or my grandfather Walter but that was my grandparents’ house where I spent most of my life as a child and also as a teenager.
I have always reconstructed pieces of life through photos. I have always loved taking the time to understand them. Photos from the past are essential. They reveal to us unexpected things and make visible what is not imagined.
Rossella Pompeo
https://rossellapompeo.wordpress.com/

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.